AREE ANATOMICHE



VOLVER

GLOSSARIO DELLE MALATTIE

NOMETESSUTOTIPO DI PATOLOGIE
Cellulite Cute Cellulite
Dolore cervicale e lombare aspecifico acuto e cronico Muscolo Lombalgia idiopatica
Disturbi proliferativi del tessuto connettivo Tessuto connettivo Fibrosi
Capsulite adesiva Articolazione Capsulite
Tendinopatia calcifica della spalla Tendini Tendinopatia
Dolori e fastidi muscolari acuti e cronici Muscolo Gestione del dolore
Tendinopatia cronica distale del bicipite Tendini Tendinopatia
Tendinopatia cronica prossimale del tendine popliteo Tendini Tendinopatia
Patologie secondarie ai punti trigger ed alla sindrome dolorosa miofasciale Muscolo Sindrome dolorosa miofasciale
Gomito del golfista Tendini Tendinopatia
Lesioni cutanee acute e croniche dei tessuti molli Cute Ferite
Linfedema primario e secondario Cute Linfedema
Sindrome dolorosa del grande trocantere Tendini Tendinopatia
Tendinopatia inserzionale dell'achilleo Tendini Tendinopatia
Osteoartrite del ginocchio Articolazione Osteoartrite
Periostite tibiale Tendini Tendinopatia
Tendinopatia della parte mediale del tendine d'achille Tendini Tendinopatia
Sindrome di osgood-schlatter Osso Disturbo dello sviluppo muscolo-scheletrico
Punti trigger Muscolo Sindrome dolorosa miofasciale
Tendinopatia rotulea Tendini Tendinopatia
Sindrome da conflitto sub-acromiale Tendini Tendinopatia
Fascite plantare Tendini Tendinopatia
Primary long bicipital tenosynovitis Tendini Tendinite
Spasticità Sistema nervoso centrale Paralisi cerebrale e ictus
Fratture da sforzo Osso Fratture
Mancate saldature di fratture delle ossa superficiali Osso Fratture
Gomito del tennista Tendini Tendinopatia
VOLVER

PIÙ INFORMAZIONI

La spasticità si manifesta generalmente come una lesione dei motoneuroni superiori (ovvero che interessa i neuroni che collegano il cervello al midollo spinale). È caratterizzata da una maggiore resistenza dei muscoli allo stretching (allungamento) passivo, causata da un’attività anomala dei fasci muscolari. Questo porta a una contrazione muscolare eccessiva, dipendente dalla velocità e, infine, a iperreflessia (ovvero riflessi esagerati dei tendini profondi).

La spasticità in genere si manifesta a seguito di uno sviluppo anomalo o un danno del cervello e/o del midollo spinale. La paralisi cerebrale (CP), la lesione cerebrale acquisita, incluso l’ictus, e la lesione del midollo spinale, sono le cause più comuni di spasticità. La paralisi cerebrale è caratterizzata da un disturbo persistente della postura o del movimento, causato da un disturbo cerebrale immaturo non progressivo.

La prevalenza di CP è di circa due casi per 1.000 nati viti, con una variazione minima tra i paesi occidentali, l’India e la Cina. Basso peso alla nascita, infezioni intrauterine e presenza di più complicazioni della gestazione e della nascita sono tra i fattori di rischio più importanti per la CP. La maggior parte dei bambini affetti da CP soffre di spasticità come disturbo motorio principale, il che rappresenta una difficoltà seria per la riabilitazione perché la spasticità può causare dolore, prevenire o impedire la funzionalità e potrebbe disturbare il sonno. Un problema specifico della PC è la spasticità dei muscoli flessori plantari, che può portare a camminare sulle punte dei piedi. Questo può comportare implicazioni funzionali importanti quali disturbo dell’equilibrio e della deambulazione, nonché interferire con lo sviluppo della funzione grosso-motoria.

L’obiettivo finale di qualsiasi programma terapeutico per la spasticità dovuta a CP deve essere il conseguimento del massimo potenziale di capacità motoria del bambino. La neurotossina botulinica (BoNT) è un trattamento farmacologico efficace e ampiamente utilizzato per l’iperattività muscolare focale. Un’alternativa è l’iniezione intramuscolare focale di fenolo e/o di alcool. Questi tipi di trattamenti non sono però privi di problemi. La BoNT è costosa e in molti paesi non è disponibile.

Inoltre, un rischio significativo dell’iniezione intramuscolare focale di alcool o di fenolo è il dolore persistente. Queste procedure sono invasive e pertanto non prive di rischio quando applicate in condizioni igieniche difficili. Come ultima opzione per la gestione della spasticità nei bambini affetti da CP viene presa in considerazione la chirurgia ortopedica. Non si tratta di un’opzione per la gestione della spasticità in sé ma è utilizzata per contribuire a correggere i problemi secondari che si manifestano con la crescita lungo i muscoli spastici e con lo scarso controllo del movimento (compresi contratture articolari, accorciamento muscolare e deformità ossee).

Recentemente, la terapia con onde d’urto extracorporee (ESWT) è diventata un’alternativa nel trattamento della spasticità.

EVIDENZE CLINICHE

Wang et al., Medicine (Baltimore) 2016 May;95(19):e3649.

A prospective case-control study of radial extracorporeal shock wave therapy for spastic plantar flexor muscles in very young children with cerebral palsy

LEGGI L'ABSTRACT

Vidal et al., NeuroRehabilitation 2011;29:413-419.

Radial extracorporeal shock wave therapy (rESWT) in the treatment of spasticity in cerebral palsy: a randomized, placebo-controlled clinical trial.

LEGGI L'ABSTRACT

PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO

Numero di sedute di trattamento 3 - 5
Intervallo tra due sedute 1 settimana
Pressione dell’aria Evo Blue® 2.5 - 4 bar
Pressione dell’aria Power+ 2 - 4 bar
Impulsi 2,000
Frequenza 8Hz - 12Hz
Applicatore 36mm
Pressione sulla pelle Da moderata a forte

Acconsento a che E.M.S. Electro Medical Systems S.A., con sede in Ch. de la Vuarpillière 31, 1260 CH-Nyon, possa utilizzare le informazioni personali che ho inserito qui sopra. Tali informazioni saranno utilizzate per fornire i servizi richiesti di cui sopra. (selezionare una casella)

Vorrei ricevere le newsletter trimestrali da E.M.S Electro Medical Systems S.A. per email con gli aggiornamenti sui suoi prodotti medici e l'Academy Swiss DolorClast® - SDCA. Sono al corrente del fatto che i miei dati saranno utilizzati per ricevere informazioni di marketing e non saranno trasmessi a terzi. Posso revocare il mio consenso in qualsiasi momento inviando una email a info@swissdolorclastacademy.com, con effetto successivo, o facendo clic sul link unsubscribe presente in ogni email. (selezionare una casella)