Sindrome dolorosa del grande trocantere
LEGGI IL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO

Featured Video Play Icon

AREE ANATOMICHE



VOLVER

GLOSSARIO DELLE MALATTIE

NOMETESSUTOTIPO DI PATOLOGIE
Cellulite Cute Cellulite
Dolore cervicale e lombare aspecifico acuto e cronico Muscolo Lombalgia idiopatica
Disturbi proliferativi del tessuto connettivo Tessuto connettivo Fibrosi
Capsulite adesiva Articolazione Capsulite
Tendinopatia calcifica della spalla Tendini Tendinopatia
Dolori e fastidi muscolari acuti e cronici Muscolo Gestione del dolore
Tendinopatia cronica distale del bicipite Tendini Tendinopatia
Tendinopatia cronica prossimale del tendine popliteo Tendini Tendinopatia
Patologie secondarie ai punti trigger ed alla sindrome dolorosa miofasciale Muscolo Sindrome dolorosa miofasciale
Gomito del golfista Tendini Tendinopatia
Lesioni cutanee acute e croniche dei tessuti molli Cute Ferite
Linfedema primario e secondario Cute Linfedema
Sindrome dolorosa del grande trocantere Tendini Tendinopatia
Tendinopatia inserzionale dell'achilleo Tendini Tendinopatia
Osteoartrite del ginocchio Articolazione Osteoartrite
Periostite tibiale Tendini Tendinopatia
Tendinopatia della parte mediale del tendine d'achille Tendini Tendinopatia
Sindrome di osgood-schlatter Osso Disturbo dello sviluppo muscolo-scheletrico
Punti trigger Muscolo Sindrome dolorosa miofasciale
Tendinopatia rotulea Tendini Tendinopatia
Sindrome da conflitto sub-acromiale Tendini Tendinopatia
Fascite plantare Tendini Tendinopatia
Primary long bicipital tenosynovitis Tendini Tendinite
Spasticità Sistema nervoso centrale Paralisi cerebrale e ictus
Fratture da sforzo Osso Fratture
Mancate saldature di fratture delle ossa superficiali Osso Fratture
Gomito del tennista Tendini Tendinopatia
VOLVER

PIÙ INFORMAZIONI

La sindrome dolorosa del grande trocantere (GTPS) include una serie di patologie dello spazio pertrocanterico laterale dell’anca, come lacerazioni del gluteo medio e minimo, borsite trocanterica e anca a scatto esterna.

I principali sintomi clinici sono dolore e sensibilità riproducibile della regione del grande trocantere e/o delle natiche o della coscia laterale. La diagnosi si basa sulle caratteristiche cliniche della patologia. Dovrebbe essere valutata la diagnostica per immagini per escludere altre cause di dolore all’anca o per confermare la diagnosi di sindrome dolorosa del grande trocantere, in caso di dubbio.

Il grande trocantere è il punto in cui si attaccano i tendini di cinque muscoli: lateralmente il gluteo medio e il gluteo minimo e a livello mediale il piriforme, l’otturatore esterno e l’otturatore interno. Come per la spalla, si può avere una lesione e una successiva degenerazione dei componenti della cuffia dei rotatori dell’anca, che inizia con una tendinite, una tendinosi e un’eventuale rottura. Questo processo si presenta più comunemente nel gluteo medio che nel gluteo minimo.

Inoltre, sono presenti tre borse attorno alla parte laterale del grande trocantere: la borsa del sottogluteo massimo, quella del sottogluteo medio e quella del gluteo minimo. Si ritiene che queste borse servano da cuscinetto per i tendini dei glutei, la bendelletta ileo-tibiale e il tensore della fascia lata. La borsite trocanterica si presenta per lo più dopo una frizione ripetitiva fra il grande trocantere e la bendelletta ileo-tibiale, dovuta alla flessione e all’estensione dell’anca. Spesso la borsite trocanterica è associata anche a un uso eccessivo, a un trauma o ad altre patologie che possono alterare i normali schemi di portamento.

È stato riferito che la sindrome dolorosa del grande trocantere colpisce fra il 10% e il 25% della popolazione, con una maggiore prevalenza nelle donne rispetto agli uomini.

La terapia delle lesioni sintomatiche dei tendini prevede riposo, farmaci antinfiammatori, fisioterapia focalizzata sulla gamma di movimento ed esercizi di rafforzamento. La borsite trocanterica normalmente si arresta da sola e risponde alla terapia con riposo, ghiaccio, farmaci antinfiammatori e fisioterapia concentrata sullo stretching, sulla flessibilità, sul rafforzamento e sulla meccanica della postura. Quando i sintomi persistono a prescindere da questi interventi, per ridurre efficacemente il dolore si può ricorrere a iniezioni di anestetico locale e corticosteroidi nella borsa.

È stato dimostrato che il trattamento a onde d’urto radiali (RSWT) è efficace nei casi refrattari di sindrome dolorosa del grande trocantere. In caso d’inefficacia del trattamento a onde d’urto radiali, può essere valutata la chirurgia, escludendo prima altre potenziali cause dei sintomi che presenta il paziente.

 

EVIDENZE CLINICHE

Rompe et al., Am J Sports Med 2009;37 1981-1990

Home training, local corticosteroid injection, or radial shock wave therapy for greater trochanter pain syndrome.

LEGGI L'ABSTRACT

Furia et al., Am J Sports Med 2009;37:1806-1813

Low-energy extracorporeal shock wave therapy as a treatment for greater trochanteric pain syndrome

LEGGI L'ABSTRACT

PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO

TRATTAMENTO STANDARD MYOFASCIAL THERAPY
Numero di sedute di trattamento 3 - 5 3 - 5
Intervallo tra due sedute 1 settimana 1 settimana
Pressione dell’aria Evo Blue® 3 - 4 bar 3 - 4 bar
Pressione dell’aria Power+ 2.5 - 4 bar 2 - 4 bar
Impulsi 2000 sul punto doloroso 2000
Frequenza 8Hz - 12Hz 12Hz - 20Hz
Applicatore 15mm 36mm
Pressione sulla pelle Da moderata a forte Da moderata a forte

Acconsento a che E.M.S. Electro Medical Systems S.A., con sede in Ch. de la Vuarpillière 31, 1260 CH-Nyon, possa utilizzare le informazioni personali che ho inserito qui sopra. Tali informazioni saranno utilizzate per fornire i servizi richiesti di cui sopra. (selezionare una casella)

Vorrei ricevere le newsletter trimestrali da E.M.S Electro Medical Systems S.A. per email con gli aggiornamenti sui suoi prodotti medici e l'Academy Swiss DolorClast® - SDCA. Sono al corrente del fatto che i miei dati saranno utilizzati per ricevere informazioni di marketing e non saranno trasmessi a terzi. Posso revocare il mio consenso in qualsiasi momento inviando una email a info@swissdolorclastacademy.com, con effetto successivo, o facendo clic sul link unsubscribe presente in ogni email. (selezionare una casella)