AREE ANATOMICHE



VOLVER

GLOSSARIO DELLE MALATTIE

NOMETESSUTOTIPO DI PATOLOGIE
Cellulite Cute Cellulite
Dolore cervicale e lombare aspecifico acuto e cronico Muscolo Lombalgia idiopatica
Disturbi proliferativi del tessuto connettivo Tessuto connettivo Fibrosi
Capsulite adesiva Articolazione Capsulite
Tendinopatia calcifica della spalla Tendini Tendinopatia
Dolori e fastidi muscolari acuti e cronici Muscolo Gestione del dolore
Tendinopatia cronica distale del bicipite Tendini Tendinopatia
Tendinopatia cronica prossimale del tendine popliteo Tendini Tendinopatia
Patologie secondarie ai punti trigger ed alla sindrome dolorosa miofasciale Muscolo Sindrome dolorosa miofasciale
Gomito del golfista Tendini Tendinopatia
Lesioni cutanee acute e croniche dei tessuti molli Cute Ferite
Linfedema primario e secondario Cute Linfedema
Sindrome dolorosa del grande trocantere Tendini Tendinopatia
Tendinopatia inserzionale dell'achilleo Tendini Tendinopatia
Osteoartrite del ginocchio Articolazione Osteoartrite
Periostite tibiale Tendini Tendinopatia
Tendinopatia della parte mediale del tendine d'achille Tendini Tendinopatia
Sindrome di osgood-schlatter Osso Disturbo dello sviluppo muscolo-scheletrico
Punti trigger Muscolo Sindrome dolorosa miofasciale
Tendinopatia rotulea Tendini Tendinopatia
Sindrome da conflitto sub-acromiale Tendini Tendinopatia
Fascite plantare Tendini Tendinopatia
Primary long bicipital tenosynovitis Tendini Tendinite
Spasticità Sistema nervoso centrale Paralisi cerebrale e ictus
Fratture da sforzo Osso Fratture
Mancate saldature di fratture delle ossa superficiali Osso Fratture
Gomito del tennista Tendini Tendinopatia
VOLVER

PIÙ INFORMAZIONI

I punti trigger miofasciali (MFTP) sono una causa comune di dolore cronico al collo e alla schiena. Si tratta di segmenti localizzati di muscolo che si ritiene siano soggetti a traumi dovuti a lesioni acute o a microtraumi derivanti da stress ripetuti. I punti trigger miofasciali possono presentarsi in qualsiasi muscolo del corpo.

La diagnosi è clinica e include l’identificazione di piccoli nodi (diametro 2-5 mm) e fasce contratte nei muscoli interessati, che sono dolenti alla palpazione. La diagnostica per immagini non è utile e dovrebbe essere valutata esclusivamente per escludere altre cause di dolore muscolare.

Non è ancora chiaro se i punti trigger miofasciali siano elementi patologici veri e propri. È stato ipotizzato che una lesione o lo stress sul muscolo interrompa il reticolo sarcoplasmatico nelle fibre muscolari, rilasciando ioni liberi di calcio. Questi ioni liberi di calcio fissano sul punto l’actina e la miosina delle fibre muscolari, se è disponibile l’adenosina trifosfato. La conseguente contrazione di piccole parti del muscolo porta a un ridotto apporto di sangue, con una conseguente ischemia e rilascio di sostanze dolorose nell’area interessata, come la serotonina, l’istamina e le prostaglandine.

I punti trigger miofasciali rappresentano una patologia molto comune, specialmente nella muscolatura cervicale. Fino all’85% del dolore alla schiena e circa il 55% del dolore al collo e del mal di testa è causato dal dolore miofasciale.

L’età predominante è compresa fra i 30 e i 50 anni. Le donne sono più colpite rispetto agli uomini. Molto spesso, i punti trigger miofasciali sono associati a una postura sbagliata. In particolare, spesso causano problemi neurologici quali cefalea, capogiri, sintomi sensoriali, nonché problemi gastrointestinali.

Il trattamento dei punti trigger miofasciali dovrebbe iniziare con una tecnica manuale, che preveda l’applicazione di pressione su un punto trigger, per rilasciare la contrazione patologica del segmento muscolare e per allungare il segmento, al fine di ripristinare la normale lunghezza della fibra muscolare. Questa può essere accompagnata dall’agopuntura e da tecniche di gestione dello stress e di rilassamento. Il trattamento farmacologico è aspecifico e può comprendere miorilassanti, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), anticonvulsivi o applicazione topica di anestetici locali o tossina botulinica.

Il trattamento ad onde d’urto radiali (RSWT) è molto efficace per i punti trigger miofasciali e può imitare la terapia manuale per l’applicazione di pressione su un punto trigger al fine di rilasciare la contrazione patologica del segmento muscolare. La prevenzione delle recidive deve focalizzarsi su adeguati cambiamenti ergonomici delle attività quotidiane del paziente, per evitare uno stress ripetitivo sui muscoli lesionati.

 

EVIDENZE CLINICHE

Bauermeister W. In: Maier M, Gillesberger F:

Abstracts 2003 zur Muskuloskelettalen Stosswellentherapie. Kongressband des 3. Dreiländertreffens der Österreichischen, Schweizer und Deutschen Fachgesellschaften. Books on Demand, Norderstedt, 2003a, pp 24-28.

LEGGI L'ABSTRACT

PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO

Numero di sedute di trattamento 3 - 5
Intervallo tra due sedute 1 settimana
Pressione dell’aria Evo Blue® 2.5 - 4 bar
Pressione dell’aria Power+ 2 - 4 bar
Impulsi 500 - 1000 impulsi per punto trigger
Frequenza 12Hz
Applicatore 15 mm o 15 mm trigger
Pressione sulla pelle Da leggera a moderata

Acconsento a che E.M.S. Electro Medical Systems S.A., con sede in Ch. de la Vuarpillière 31, 1260 CH-Nyon, possa utilizzare le informazioni personali che ho inserito qui sopra. Tali informazioni saranno utilizzate per fornire i servizi richiesti di cui sopra. (selezionare una casella)

Vorrei ricevere le newsletter trimestrali da E.M.S Electro Medical Systems S.A. per email con gli aggiornamenti sui suoi prodotti medici e l'Academy Swiss DolorClast® - SDCA. Sono al corrente del fatto che i miei dati saranno utilizzati per ricevere informazioni di marketing e non saranno trasmessi a terzi. Posso revocare il mio consenso in qualsiasi momento inviando una email a info@swissdolorclastacademy.com, con effetto successivo, o facendo clic sul link unsubscribe presente in ogni email. (selezionare una casella)