Lesioni cutanee acute e croniche dei tessuti...
LEGGI IL PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO

Featured Video Play Icon

AREE ANATOMICHE



VOLVER

GLOSSARIO DELLE MALATTIE

NOMETESSUTOTIPO DI PATOLOGIE
Cellulite Cute Cellulite
Dolore cervicale e lombare aspecifico acuto e cronico Muscolo Lombalgia idiopatica
Disturbi proliferativi del tessuto connettivo Tessuto connettivo Fibrosi
Capsulite adesiva Articolazione Capsulite
Tendinopatia calcifica della spalla Tendini Tendinopatia
Dolori e fastidi muscolari acuti e cronici Muscolo Gestione del dolore
Tendinopatia cronica distale del bicipite Tendini Tendinopatia
Tendinopatia cronica prossimale del tendine popliteo Tendini Tendinopatia
Patologie secondarie ai punti trigger ed alla sindrome dolorosa miofasciale Muscolo Sindrome dolorosa miofasciale
Gomito del golfista Tendini Tendinopatia
Lesioni cutanee acute e croniche dei tessuti molli Cute Ferite
Linfedema primario e secondario Cute Linfedema
Sindrome dolorosa del grande trocantere Tendini Tendinopatia
Tendinopatia inserzionale dell'achilleo Tendini Tendinopatia
Osteoartrite del ginocchio Articolazione Osteoartrite
Periostite tibiale Tendini Tendinopatia
Tendinopatia della parte mediale del tendine d'achille Tendini Tendinopatia
Sindrome di osgood-schlatter Osso Disturbo dello sviluppo muscolo-scheletrico
Punti trigger Muscolo Sindrome dolorosa miofasciale
Tendinopatia rotulea Tendini Tendinopatia
Sindrome da conflitto sub-acromiale Tendini Tendinopatia
Fascite plantare Tendini Tendinopatia
Primary long bicipital tenosynovitis Tendini Tendinite
Spasticità Sistema nervoso centrale Paralisi cerebrale e ictus
Fratture da sforzo Osso Fratture
Mancate saldature di fratture delle ossa superficiali Osso Fratture
Gomito del tennista Tendini Tendinopatia
VOLVER

PIÙ INFORMAZIONI

Le ulcere del piede diabetico, le ulcere da pressione e le ulcere da stasi venosa sono le ferite croniche della pelle e del tessuto molle più comuni. Una ferita cronica è una ferita che non è guarita in tre mesi.

La diagnosi si basa sulle caratteristiche cliniche della patologia. L’incidenza è di circa l’1% e le ferite croniche per lo più colpiscono le persone di età pari o superiore ai 60 anni. Di conseguenza, il numero di ferite croniche aumenta con l’invecchiamento della popolazione.

Fra i fattori che contribuiscono alla comparsa di ferite croniche citiamo una cattiva circolazione, neuropatia (diabetica), colonizzazione batterica e infezione, malattie sistemiche, età, traumi ripetuti, vasculite, immunosoppressione (compreso l’uso di steroidi per lunghi periodi), ma anche stress emotivo.

Secondo il sistema di classificazione delle ferite dell’Università del Texas, queste vengono distinte in base a quattro fasi (A: senza infezione e ischemia; B: con infezione; C: con ischemia; D: con infezione e ischemia) e quattro gradi (0: lesione pre o post ulcerativa completamente epitelializzata; 1: ferite superficiali, che non coinvolgono tendini, capsule o ossa; 2: ferite che penetrano nel tendine o nella capsula; 3: ferita che penetra nell’osso o nell’articolazione). La guarigione delle ferite viene classicamente divisa in quattro fasi (i: emostasi; ii: infiammazione; iii: proliferazione; iv: rimodellamento) con notevole sovrapposizione fra le singole fasi.

Queste fasi vengono controllate da una serie di fattori di crescita, che sono coinvolti nella guarigione delle ferite, come il fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF), il fattore di crescita epidermico (EGF) e i fattori di crescita trasformanti α e β (TGF-α e -β), per fare qualche esempio. Anche un’insufficienza nei livelli dei fattori di crescita può contribuire alla formazione di ferite croniche.

Le strategie terapeutiche per le ferite croniche sono tese a prevenire e a trattare l’infezione, a combattere l’ischemia e a sostituire e/o stimolare i fattori di crescita. Ciò può essere ottenuto con una pulizia chirurgica della ferita, l’applicazione di ossigeno iperbarico, la terapia delle ferite a pressione negativa e l’applicazione topica e sistemica di molecole quali le proteine per l’adesione cellulare, le citochine, gli enzimi o i fattori di crescita EGF-simili. La terapia con cellule staminali mesenchimali potrebbe rappresentare un’ulteriore opzione d’intervento.

Recentemente, il trattamento a onde d’urto radiali (RSWT) è stato introdotto nella gestione delle ferite croniche (Fasi/Gradi A1 e A2, nonché C1 e C2 con grande attenzione), grazie alle sue note capacità di miglioramento della microvascolarizzazione funzionale, di stimolo dell’espressione dei fattori di crescita come il fattore di crescita endoteliale vascolare e di aumento della proliferazione cellulare. Il trattamento a onde d’urto radiali è particolarmente interessante per le ferite croniche che sono troppo piccole per la terapia a pressione negativa.

EVIDENZE CLINICHE

Zoech. JATROS Orthop 2009;(1):46-47.

ESW-Therapy in diabetic foot ulcers

LEGGI L'ABSTRACT

PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO

Raccomandazioni specifiche prima della TEOC Effettuare la medicazione standard della lesione ed un debridement standard Posizionare la pellicola sterile sulla lesion ed I tessuti circostanti Applicare il gel sterile di accoppiamento alla pellicola
Raccomandazioni specifiche dopo la TEOC Rimuovere il gel di accoppiamento e la pellicola Pulire la lesione con soluzione salina sterile Applicare una medicazione standard appropriata per la particolare fase di cicatrizzazione
Numero di sedute di trattamento 10
Intervallo tra due sedute 2 volte alla settimana
Pressione dell’aria Evo Blue® 2 - 4 bar
Pressione dell’aria Power+ 1.5 - 3 bar
Impulsi 200 - 300 impulsi / point cm2
Frequenza 8 Hz - 12Hz
Applicatore 36mm
Pressione sulla pelle Da leggera a moderata

Acconsento a che E.M.S. Electro Medical Systems S.A., con sede in Ch. de la Vuarpillière 31, 1260 CH-Nyon, possa utilizzare le informazioni personali che ho inserito qui sopra. Tali informazioni saranno utilizzate per fornire i servizi richiesti di cui sopra. (selezionare una casella)

Vorrei ricevere le newsletter trimestrali da E.M.S Electro Medical Systems S.A. per email con gli aggiornamenti sui suoi prodotti medici e l'Academy Swiss DolorClast® - SDCA. Sono al corrente del fatto che i miei dati saranno utilizzati per ricevere informazioni di marketing e non saranno trasmessi a terzi. Posso revocare il mio consenso in qualsiasi momento inviando una email a info@swissdolorclastacademy.com, con effetto successivo, o facendo clic sul link unsubscribe presente in ogni email. (selezionare una casella)